Virginia la mammina segretamente porcella

Virginia la mammina segretamente porcella
Virginia è davvero una mammina tutto fare. Felicemente sposata, è una casalinga modello, tutta dedita al suo maritino, alla casa e alla sua piccola bimba. Virginia mi eccita e parecchio. Sarà per quel suo largo sorriso, la sua vitina da vespa, il suo culo a mandolino, le sue tettine a punta (tutto il contrario di mia moglie che c’è l’ha grosse come quelle di una vacca… le adoro!). Non vi nego che le ho dedicato già più di una sega.
Ultimamente ho deciso di provocarla, proprio per il piacere del proibito: altro che mammina tutta casa e art attack… Virginia per me è una gran troia e come tale mi piacerebbe trattarla. Andare a casa sua appena dopo che il suo maritino esce per andare a lavoro e cominciare a scoparla a pecora sul loro lettone ancora bello caldo. La sbatterei così forte da farle venire tutto il suo bel culo tondo rosso.
Farei con la dolce mammina le più grandi porcate, e sono sicuro che di porcate Virginia amerebbe farne parecchie.
Ho cominciato un mesetto fa a mandarle dei messaggini di buon giorno con whatsapp. All’inizio nemmeno mi rispondeva la signora… poi continuando ho visto che ogni tanto ha risposto, e me ne ha mandati alcuni lei di sua iniziativa.
La cosa è finita lì, ma dicerto la furbetta si sarà chiesta: “Come mai l’amico di mio marito mi manda questi messaggi!?”. Già, perché io l’ho lasciata col dubbio, e i messaggini li ho mandati anche al suo maritino (prima del delitto pensare sempre all’alibi!)…
Non è mancata occasione per uscite con altri amici, ma a parte qualche battutina, oltre non sono andato, purtroppo ha sempre il maritino che le ronza in torno Virginia…
L’occasione per provocarla è successa qualche settimana fa. Gli sposini mi hanno invitato, con altri amici, per una cenetta a casa loro. Serata tranquilla… ma ad un certo punto della serata mi e s**ttata la voglia, volevo a tutti i costi vedere almeno un suo slip…
Sono andato in bagno e ho visto la cesta dei panni da lavare bella piena. Avevo il cuore in gola per paura che bussasse qualche altro ospite per andare in bagno… rompendo i coglioni.
Così, ho aperto la cesta, dove c’era di tutto: lenzuola, tovaglie, pigiami e… niente slip di lei nemmeno l’ombra.
Ero nel pallone, “Ecchecazzo” ho pensato, “Come può essere che non ci sono un paio di sue mutandine!?”
A quel punto ho tirato giù tutta la roba dal cesto, ed ecco, come per magia… sul fondo del cesto un paio di mutandine rosse con bordini rosa. “Wow! Sì, eccole!”. Non credevo ai miei occhi. Mi tremavano le mani mentre le aprivo per cercare la zona del tassello della fica. Le ho girate ed ecco un segno lieve di fica, e accanto un alone bianco delle secrezioni intime della signora… Ero super eccitato!
L’ho portato al naso per sentire tutto il profumo della fica della mammina… Molto profumata devo dire, per niente sgradevole, si vede che la lava spesso la signora (saprei io come punirla…).
Quei pochi secondi mi sono sembrati mezz’ora, e, in fretta e furia ho rimesso tutto dentro alla meno peggio.
Tornato in salone ho cercato di fare l’indifferente, però volevo, in qualche modo metterla in difficoltà.
Così, quando siamo andati via, ho voluto rompere gli indugi con la cara mammina!
Al momento di salutarla, abbracciandola, le ho cinto un braccio attorno ai fianchi… ma non a livello neutro, come solitamente si fa, ma ben più in alto, andando a toccarle lateralmente il seno.
Avreste dovuto vedere la reazione della mammina: invece di fare finta di niente, pensando che era stato solo un incidente, ha subito stretto il mio braccio fermandolo (ha capito che era intenzionale…).
Ho creduto di averla fatta grossa… sia per la palpata, che per i panni lasciati alla rinfusa…
L’ho creduto almeno fino all’indomani mattina, quando ho ricevuto un messaggino di buongiorno proprio da parte della mammina!
Che dite, le saranno piaciute le mie provocazioni? magari gradirebbe che continuassi… Chissà?!

Bir yanıt yazın

E-posta adresiniz yayınlanmayacak. Gerekli alanlar * ile işaretlenmişlerdir